Principale > Blog sul backup e sul ripristino > Backup incrementale vs. differenziale: qual è la differenza? Software di backup incrementale.

Backup incrementale vs. differenziale: qual è la differenza? Software di backup incrementale.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(18 voti, media: 4,56 fuori da 5)
Loading...
Aggiornato 3rd Gennaio 2023, Rob Morrison

Backup completo

Una cosa che viene spesso menzionata quando si parla di backup in generale è il backup completo – una fase di backup che esegue una copia di tutti i suoi file o settori del disco rigido e crea un file immagine. Sebbene sia una delle forme più semplici di backup, presenta alcuni svantaggi, dalla flessibilità limitata alla quantità potenzialmente enorme di tempo necessaria per eseguire un lavoro di backup e alla quantità potenzialmente elevata di spazio di archiviazione che richiede.

Il backup completo non è sempre la forma migliore di backup, ma è comunque comunemente utilizzato come parte del sistema di backup complessivo di un’organizzazione. Nella maggior parte delle aziende, i backup completi vengono eseguiti in genere una volta alla settimana, con ulteriori backup completi eseguiti caso per caso (ad esempio per gli aggiornamenti del software o del sistema), ma anche la perdita di una settimana di dati in caso di disastro rappresenterebbe un’enorme perdita finanziaria per molte aziende. Qui entrano in gioco altri tipi di backup, più efficienti e flessibili.

La maggior parte dei dati presenti sul computer medio cambia raramente, se non addirittura mai. Questo vale per le applicazioni, i dati degli utenti e il sistema operativo stesso. Nella maggior parte dei casi, solo una piccola percentuale di dati cambia ogni giorno (o ogni settimana). Per questo motivo, ha senso eseguire il backup solo dei dati modificati dall’ultimo backup. Questo approccio costituisce la base per molti dei livelli di backup più complicati, ma qui discuteremo solo due dei più comuni: i backup differenziali e incrementali.

Backup differenziale

Il backup differenziale è stato il primo passo per migliorare il livello di backup. Questo livello di backup riguarda il backup di tutti i dati modificati dall’ultimo backup completo.

Un esempio di questa strategia potrebbe essere il seguente: Se l’ultimo backup completo risale a lunedì, martedì il software di backup differenziale eseguirà il backup di tutti i dati modificati da lunedì. Il mercoledì, il suo sistema eseguirà il backup di tutti i dati modificati dal lunedì, e così via.

Sebbene il backup differenziale sia probabilmente molto più veloce del normale backup completo, è comunque probabile che richieda molta memoria, in quanto la quantità totale di dati sottoposti a backup aumenta ad ogni successivo backup differenziale – fino al successivo backup completo. L’intervallo ottimale tra un backup differenziale e l’altro nella maggior parte delle organizzazioni è, ad esempio, una volta al giorno, poiché è necessario molto spazio di archiviazione per ogni nuovo backup che il software di backup differenziale gestisce e crea.

Backup incrementale

Il backup incrementale differisce dal backup completo in quanto esegue il backup dei dati modificati dall’ultimo backup (non importa se si tratta di un backup completo o di un backup incrementale). L’altro nome di questa strategia di backup è “backup differenziale incrementale”, e il backup differenziale è talvolta chiamato anche “backup cumulativo incrementale”.
Per tornare al nostro esempio precedente: Se lunedì è stato eseguito un backup completo, martedì il software di backup incrementale copierà tutti i dati modificati da lunedì. Mercoledì, copierà tutto ciò che è cambiato da martedì, e così via.
Come può vedere, questa strategia di backup elimina il problema principale del backup differenziale: le numerose copie dei dati (dati di cui è già stato eseguito il backup). Le aziende che dispongono di un potente software di backup incrementale possono ottenere ancora più vantaggi eseguendo i backup più di una volta al giorno.
Tuttavia, i backup incrementali presentano anche degli svantaggi. Il più importante è il fatto che possono influire sul tempo di ripristino: i dati devono essere ricostruiti da tutti i backup incrementali dall’ultimo backup completo per poter eseguire il processo di ripristino.
C’è sempre la questione di quale sia la strategia di backup migliore. Il fatto è che tutti hanno i loro vantaggi e svantaggi e che alcuni casi richiedono determinati livelli di backup. Per facilitare il confronto, possiamo selezionare diverse categorie e valutare le prestazioni di ciascun livello di backup in ognuna di esse. Questo può facilitare la sua decisione quando cerca di trovare il livello di backup più adatto a lei.

Confronto tra backup completo e incrementale e differenziale dei dati

Strategia Punto di partenza del backup Velocità Memoria Requisiti di recupero
Full Precedente backup completo Lento Molto grande Ultimo backup
Incrementale Precedente backup completo Decente Grande Ultimo backup completo + ultimo backup differenziale
Differenziale Qualsiasi backup precedente Veloce Piccolo Ultimo backup completo + tutti i backup incrementali dall’ultimo backup completo

Molte organizzazioni preferiscono risparmiare spazio di archiviazione piuttosto che ridurre i tempi di ripristino (anche se questo dipende ovviamente dalla natura dell’azienda, dal tipo di utilizzo dei dati e dalla sensibilità temporale del ripristino dei dati), quindi i backup incrementali sono leggermente più popolari di quelli differenziali.

Software di backup incrementale e differenziale – Bacula Enterprise

Bacula Enterprise non offre solo i livelli di backup sopra citati nella sua soluzione, ma molti altri. In combinazione con altri metodi, tra cui tecniche avanzate di deduplicazione e compressione, Bacula è in grado di fornire strategie di backup e ripristino molto specifiche per una gamma particolarmente ampia di aziende. Grazie a questa flessibilità, unita ad un livello di sicurezza particolarmente elevato, Bacula è utilizzato da numerose organizzazioni militari e della difesa in tutto il mondo, oltre che da MSP, ISV, aziende di e-commerce, grandi data center e altri ambienti IT altamente esigenti. Ci contatti per saperne di più sui nostri clienti del suo settore.

Informazioni sull'autore
Rob Morrison
Rob Morrison è il direttore marketing di Bacula Systems. Ha iniziato la sua carriera nel marketing IT con Silicon Graphics in Svizzera, ottenendo ottimi risultati in vari ruoli di gestione del marketing per quasi 10 anni. Nei 10 anni successivi, Rob ha ricoperto anche diverse posizioni di gestione del marketing in JBoss, Red Hat e Pentaho, assicurando la crescita della quota di mercato di queste note aziende. Si è laureato all'Università di Plymouth e ha conseguito una laurea ad honorem in Digital Media and Communications e ha completato un programma di studi all'estero.
Lascia un commento

Il suo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *